fbpx Skip to content
Finchè il caffè è caldo
Finchè il caffè è caldo

Finché il caffè è caldo 

 

Il presente non cambia, il futuro è misterioso, il passato non può essere modificato ma solo rivissuto fino a capirlo.  

 

Nel centro di Tokyo si trova una vecchia caffetteria, dove le travi in legno del soffitto sono lucide e marroni come “gusci di castagne”, le pareti pulite e brillanti come il giorno d’apertura di cento anni prima. L’atmosfera è rimasta retrò e l’assenza delle finestre impedisce alla luce di entrare.   

 

Toshikazu Kawaguchi “Finchè il caffè è caldo” Garzanti, marzo 2020. Toshikazu Kawaguchi “Finchè il caffè è caldo” Garzanti, marzo 2020.

Appesi alla parete ci sono tre orologi ma nessuno sa quale di questi indichi l’ora esatta.  

In questo luogo senza un tempo certo si muovono i personaggi di Toshikazu Kawaguchi nel suo romanzo di esordio “Finché il caffè è caldo”.  I protagonisti del romanzo vengono spinti dall’autore a volgere il loro sguardo nel passato, un’ azione che però dura il tempo di un caffè.

Il viaggio attraverso il quale possono vedere ciò che è stato infatti si compie solo fin quando la bevanda nelle loro tazze non smette di fumare. 

 

I clienti di questo particolare bar possono incontrare solamente persone che una volta in vita erano entrate nel locale. Non possono alzarsi per andare loro incontro e soprattutto, qualsiasi cosa si faccia o si dica nel passato, non potrà in alcun modo cambiare il presente.  

Perché farlo, allora?  

 Per capire davvero la strada percorsa e le svolte che hanno condotto al presente. 

 

Attraverso i quattro capitoli del romanzo, prendono forma le storie dei personaggi principali: Fumiko, Katake, Hirai e Kei viaggiano attraverso le loro vite per rivivere i momenti che hanno segnato per sempre il loro presente, con la consapevolezza di non poter cambiare le cose, ma solo il proprio modo di viverle e accettarle.  

 

Un viaggio non attraverso il tempo, perciò, ma attraverso la memoria che spiega il presente: nell’ animo umano, fragile e forte dinnanzi all’imprevedibilità della vita.  

 

Facts:

 

Di Toshicakazu Kawaguchi si sa ben poco. Se si cerca online la sua biografia  le uniche cose di cui si può venire a conoscenza con certezza sono l’anno della sua nascita, 1971, e la sua professione di sceneggiatore e regista.

A suo nome compare un altro libro intitolato “Basta un caffè per essere felici” pubblicato da Garzanti.

“Finchè il caffè è caldo” ha vinto il Suginami Drama Festival, vendendo in Giappone più di un milione di copie.

 In Italia, invece, il libro è alla 14 edizione, rendendolo ufficialmente il caso editoriale più discusso degli ultimi mesi.

 Dalla trama del romanzo, nel 2018,  è stata tratta un’opera teatrale e un film, girato da Ayuko Tsukahara e con protagonista Kasumi Arimura chiamato “Cafè Funiculì Funiculà”

Be shareable. Condividi il post!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Dello stesso autore

Tutti gli Articoli

Be visionary

Iscriviti alla Newsletter!