fbpx Skip to content
#andràtuttobene: come esorcizzare la paura e riscoprirsi comunità
#andràtuttobene: come esorcizzare la paura e riscoprirsi comunità

Sull’impatto immediato e prossimo del COVID-19 sulle nostre vite e sul modo di comunicare hanno già scritto in molti e in molti scriveranno. Si tratta di uno studio sulla carne viva. Si tratta, né più né meno, della manifestazione del DNA della narrazione. Noi mortali non possiamo fissare troppo a lungo lo sguardo di Medusa e allora la letteratura ci educa “al Fato e alla morte”.

Ma educazione, soprattutto nell’epoca del Gaming, non è sinonimo di rassegnazione.

Torniamo alla metafora della letteratura e facciamo un passo indietro verso la sua pratica, ovvero la scrittura. Cosa c’entra la scrittura con quello che stiamo vivendo? Rispondo con un hashtag #andràtuttobene. Nel momento in cui scrivo, soltanto su Instagram ha superato di molto il milione di post. Una vera e propria narrazione collettiva affidata a un’espressione che, con la cancellazione degli spazi dovuta alla sintassi degli hashtag, si trasforma in parola.

Una parola scritta in forma digitale sulle tastiere di smartphone e pc, ma soprattutto scritta fisicamente migliaia e migliaia di volte dagli italiani (e non solo) su supporti di diversa natura, con inchiostro e colori e materia. Proprio nel momento in cui il contatto fisico della socialità viene meno, l’atto fisico della scrittura riafferma il suo potere esorcizzante e la sua potenza relazionale.

Scrivere a mano e scrivere in maniera reiterata hanno trasformato l’#andràtuttobene in un rito magico collettivo. Siamo passati dalla Call To Action al Mantra Cross-Mediale. D’altronde, come scriveva William Burroughs nel suo La scrittura creativa, “Lo scopo di scrivere è di farlo accadere.” E quando penso a questa citazione, mi vengono in mente le mascherine dei medici e degli infermieri in trincea nelle terapie intensive. In molte immagini che circolano in questi giorni tra tg e social, quelle mascherine sono colorate dai loro figli con l’arcobaleno #andràtuttobene. Molto spesso, quelle mascherine sono tutto ciò che possono vedere i pazienti, isolati ma incoraggiati da una vera e propria scossa che ci unisce, ci dà forza. Una scossa che cerca di esorcizzare una paura a cui il COVID-19 ha condannato già in troppi: “si vive insieme, si muore soli”.

In questi giorni il dibattito è caldo e la domanda è: “come e da dove ripartiremo?”. Si parla di digitalizzazione, di misure economiche, lavoro. Tutto giusto, eppure il colpo più duro, sistema sanitario a parte, il COVID-19 lo sta sferzando al nostro senso di comunità. È contro quei colpi, che scrivere e riscrivere fisicamente #andràtuttobene ci aiuta a tenere alta la guardia. Sui balconi, alle finestre, dentro le nostre case, si sono moltiplicati nel giro di pochissime ore e senza soluzione di continuità i fogli di carta e i lenzuoli con scritto #andràtuttobene. Scriverlo ci ha messo in relazione seppur distanti, da Nord a Sud. E scriverlo ci ha permesso di coltivare con un tempo e un’attenzione più pieni le nostre relazioni familiari, quelle più intime, quelle interne alle mura domestiche.

Quando tutto finirà, non sarà facile passare dall’#andràtuttobene all’#èandatotuttobene. Ma la scrittura ci verrà ancora una volta in soccorso con un altro insegnamento: “scrivere è riscrivere”. Abbiamo l’opportunità di riscrivere il nostro tempo e dovremo farlo partendo dai nostri modelli sociali.

Mauro De Clemente

Be shareable. Condividi il post!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Dello stesso autore

Tutti gli Articoli

Be visionary

Iscriviti alla Newsletter!